Milano, imputato di bancarotta fa strage in tribunale

Sono tre le vittime di Claudio Giardiello: un giudice, il suo ex avvocato e il coimputato. Le telecamere della sicurezza lo hanno ripreso mentre mostrava all’ingresso un falso tesserino. Dopo l’arresto ha avuto un malore. Il ministro Alfano: “Era pronto a uccidere ancora”. L’avvocato ucciso: “Vado a testimoniare perché bisogna avere coraggio”

Un falso tesserino da avvocato per entrare in tribunale (le telecamere lo hanno ripreso mentre lo mostrava all’addetto) con in tasca una pistola regolarmente detenuta e due caricatori pieni. Tredici colpi calibro 7.65 per compiere una strage. E’ di tre morti e due feriti (uno, molto grave, Davide Limongelli, è il suo stesso nipote) il bilancio della mattina di terrore a Palazzo di Giustizia di Milano, dove l’imputato di un processo per bancarotta fraudolenta, l’immobiliarista Claudio Giardiello, 57 anni, ha ucciso il giudice Ferdinando Ciampi, Giorgio Erba (suo coimputato nel processo sul fallimento dell’Immobiliare Magenta di cui Giardiello era socio di maggioranza) e il suo ex avvocato, Lorenzo Alberto Claris Appiani che nel processo era testimone. “Volevo vendicarmi di chi mi ha rovinato” avrebbe detto ai carabinieri, subito dopo la cattura.

La CISAL, a tutti i livelli, non vuole che tale TRAGEDIA si possa ripetere.

IL SINALV CISAL aveva già scritto alla Prefettura di Milano nel 2013 perché l’inserimento del personale non armato, in sostituzione di parte delle guardie giurate previste nell’appalto, aveva dato già preoccupazione.

COMUNICATO STAMPA BLASI CISAL FPC (346) Proclamazione stato di agitazione del personale della Giustizia (322) Interpello Prefettura Milano su Tribunale.pdf (297)

On aprile 11th, 2015, posted in: NEWS by

Lascia un commento